Speaker 2011

Don Luigi Ciotti
Associazione Libera

Con l’obbiettivo di “saldare la terra con il cielo”, don Luigi Ciotti ha fondato nel 1965 a Torino il Gruppo Abele, espressione di un impegno sociale fatto di accoglienza, servizi alle persone, ma insieme di proposta culturale, educativa e “politica”. Oggi il “Gruppo” lavora accanto a giovani e adulti con problemi di dipendenza, alle vittime di tratta e di violenza, come le donne costrette alla prostituzione, alle famiglie in difficoltà, ai migranti, ai malati di Aids; è presente nelle carceri, coi giovani nelle scuole e nell’educativa di strada, con l’informazione attraverso le riviste Narcomafie e Animazione Sociale, sul territorio e nel quotidiano con attività di mediazione dei conflitti, in Africa, in Costa d’Avorio, con progetti di cooperazione internazionale. Convinto che solo il “noi” possa costruire cambiamento e giustizia sociale, nel 1995 don Ciotti ha dato origine a Libera, che oggi coordina l’impegno di oltre 1600 realtà in Italia e in Europa, attive nel contrasto alla criminalità organizzata, alle mafie e nella promozione di una cultura della legalità e
della responsabilità.

Domenico De Masi
Sociologo

Alberto Di Minin
Docente di Management – Scuola Superiore Sant’Anna – www.diminin.it

Marco Makkox Dambrosio
Fumettista

Jacopo Tondelli
Direttore Linkiesta

Wu Ming
Collettivo di scrittori

Antonino Monteleone
Scrittore

Roy Paci
Compositore

Ermete Realacci
Presidente Symbola

Alessandro Rosina
Demografo

Andrea Segrè
Docente di agraria

Spinoza.it
Collettivo di scrittori

Cuno Tarfusser
Giudice internazionale

Cuno Tarfusser é dall’11 marzo 2009 giudice alla Corte Penale Internazionale (CPI) con sede all’Aja (Paesi Bassi) e cui é stato eletto il 20 gennaio 2009 presso la sede delle Nazioni Unite a New York per un periodo di nove anni. La CPI fonda sullo Statuto di Roma ed é la prima Corte Penale Internazionale permanente, costituita da un trattato internazionale con il fine di porre termine all’impunità degli autori dei piú gravi delitti che riguardano l’insieme della comunità internazionale, ovvero i crimini contro l’umanitá, i crimini di guerra e il crimine di genocidio. In seno alla Corte il giudice Tarfusser é assegnato, su sua richiesta, alla Divisione preliminare ed attualmente si occupa di casi relativi a crimini commessi nella Repubblica Democratica del Congo, in Kenya, nel Sudan/Darfur e in Libya. Recentemente ha anche firmato il mandato di cattura a carico di Muammar Gaddafi, di suo figlio e del capo dei servizi libici.
Per tutta la sua carriera di magistrato in Italia, il giudice Tarfusser ha svolto le funzioni di Pubblico Ministero. Dal 1985 al 2001, quale Sostituto Procuratore, ha condotto numerose indagini e ha sostenuto l’accusa nei relativi processi, in materia di reati contro la persona, contro la libertá sessuale e contro la pubblica amministrazione, cosí come reati in materia di terrorismo, di criminalitá organizzata e di frodi comunitarie.
Dal 2001 al marzo 2009 é stato Procuratore della Repubblica di Bolzano e come tale chiesto e ottenuto dal Fondo Sociale Europeo il finanziamento per il “Progetto di riorganizzazione e di ottimizzazione della Procura della Repubblica di Bolzano”. I risultati che sono conseguiti alla implementazione del progetto attraverso la reingengnerizzazione dei processi lavorativi, ma sopratutto attraverso l’acquisizione di una nuova mentalitá di servizio, sono stati tali (riduzione dei costi del 65%, riduzione dell’arretrato a livelli fisiologici, erogazione dei servizi amministrativi in tempo reale, ecc) che questo modello organizzativo é stato preso come esempio e base per il c.d. “progetto best practice” del Ministero della Giustizia il cui fine é quello di esportare questo modello ad altri uffici giudiziari.
Negli ultimi anni il giudice Tarfusser é stato ripetutamente invitato a parlare a convegni e in Parlamento, a seminari ed in Universitá, in Italia e all’estero, di court management e quindi della sua esperienza di amministratzione alla Procura della Repubblica di Bolzano e di diritto penale internazionale e quindi della sua esperienza alla Corte Penale Internazionale.

Jimmy Wales
Fondatore Wikipedia

Ranked by Forbes Magazine as a “Web Celeb”, Jimmy Donal Wales is a U.S. Internet entrepreneur and wiki pioneer
who is best known as the founder of Wikipedia, an international collaborative free content encyclopedia on the Internet, and the Wikimedia Foundation. He is co-founder of Wikia, a privately owned free web hosting service he set up in 2004.

Giovanna cosenza
Docente di semiotica – Università di Bologna

Enrico Giovannini
Presidente Istat

Laureato in Economia e Commercio, nel dicembre del 1982 è assunto come ricercatore presso l’Istituto Nazionale di
Statistica (Istat), occupandosi di contabilità nazionale ed analisi economica. Nel dicembre del 1989 si trasferisce presso
l’Istituto Nazionale per lo Studio della Congiuntura (ISCO) ove, come dirigente di ricerca, assume la responsabilità delle
analisi di carattere monetario e finanziario. Nel gennaio del 1992 torna di nuovo all’Istat e nel dicembre dell’anno
successivo è nominato responsabile del Dipartimento di Contabilità Nazionale e Analisi Economica. Dal gennaio 1997
al dicembre 2000 assume la direzione del Dipartimento delle Statistiche economiche. È stato professore a contratto
in numerose università italiane e membro dei Consigli Direttivi della Società Italiana di Statistica e del Comitato
Interuniversitario di Econometria. Inoltre, è stato membro del Comitato strategico per l’introduzione dell’Euro in Italia
istituito presso il Ministero del Tesoro, del Nucleo di consulenza per l’attuazione delle linee guida per la regolazione
dei servizi di pubblica utilità (NARS) istituito presso il Ministero del Tesoro e di numerosi comitati scientifici di
istituzioni di ricerca italiane (OCSM, Excelsior, ISCONA, INSOR, Fondazione Mattei). È membro di numerosi Comitati
presso la Commissione Europea e le Nazioni Unite. Sotto la sua direzione iniziata nel 2001, l’OCSE ha avviato una
riforma complessiva del proprio sistema statistico, sviluppato un sistema informativo statistico i cui componenti sono
utilizzati da altre istituzioni internazionali (ONU, Fondo Monetario Internazionale, UNESCO, ecc.) e profondamente
innovato i propri prodotti. Nel 2004 ha organizzato il primo Forum Mondiale su “Statistica, Conoscenza e Politica”, a
partire dal quale ha lanciato un progetto di ricerca globale sulla “Misurazione del progresso delle società”, condotto
dall’OCSE in collaborazione con la Commissione Europea, la Banca Mondiale e le Nazioni Unite. Oltre ad essere dal
2002 professore ordinario di Statistica Economica presso l’Università degli studi di Roma “Tor Vergata”, è membro
della Società Italiana di Statistica dal 1988 e dell’Istituto Internazionale di Statistica dal 2001. Ha istituito il “Global
Project on Measuring the Progress of Societies” [1] avente lo scopo di promuovere lo sviluppo di indicatori chiave
(in campo economico, sociale ed ambientale), per fornire un quadro completo di come si evolve il benessere di una
società.